Via Ponte Nuovo, 10 20128 Milano
+39 02 36597461 info@fattiamano.org

essential oil

Visualizzazione di tutti i 4 risultati

  • OLIO ESSENZIALE
    SANDALO AMYRIS
    BIOLOGICO HAITI

    12.0054.00

    L'olio essenziale di Amyris possiede un aroma gentile, dolce, legnoso con note leggere balsamiche. Viene chiamato “Sandalo delle Indie Occidentali” per il suo profumo che ricorda il vero sandalo (Santalum album) anche se non ne possiede la stessa profondità e carattere. Ha la proprietà di fissare gli altri oli essenziali, di rilassare la mente, di contribuire ad alleviare lo stress e l'ansia. Si dice anche che risollevi l'umore e che abbia un effetto afrodisiaco simile a quello del vetiver e del patchouli.
     

    schedadescrizioneproprietàutilizzo

    INCI: Amyris balsamifera Bark Oil
    Nome botanico: Amyris balsamifera L.
    Altri nomi: Sandalo delle Indie Occidentali, Sandalo di Haïti
    Paese d'origine: Haiti
    Nota: di base/fissativa
    Status: da coltivazione biologica, di origine vegetale
    Estrazione: distillazione a vapore
    Parti utilizzate: corteccia
    Aspetto: liquido limpido
    Colore: da giallo a marrone chiaro
    Odore: legnoso, dolce, caldo, muschiato
    Densità: 0.94 – 0.98
    Temperatura di combustione: +93°C
    Certificazione biologica: Ecocert


    Gli alberi di Amyris sono piccoli e folti e crescono un pò in tutto il mondo ma quelli di Haiti, da dove viene il nostro olio essenziale, sono speciali.
     
    L'olio essenziale di amyris viene ottenuto attraverso la distillazione a vapore dei trucioli di legno dell'albero Amyris (Amyris balsamifera).
     
    Rispetto agli altri alberi, quelli haitiani contengono moltissimo olio, tanto che sull'isola vengono chiamati “gli alberi delle candele” (Bois chandelle), grazie alla loro capacità di bruciare lentamente, per lungo tempo e in modo costante. Il legno, duro e balsamico, non viene intaccato dalle termiti.
     
    Ad Haiti dall'Amyris vengono ricavate anche delle utilissime torce naturali, usate di notte dai pescatori per catturare i granchi lungo le spiagge e dai contadini che viaggiano lungo i sentieri per portare i prodotti agricoli dalle loro case di montagna ai villaggi e ai mercati delle città.
     

    L'olio essenziale di Amyris è una scelta eccellente per la cura del viso, rallenta il processo di invecchiamento della pelle e aiuta il processo di rigenerazione.
     

    Dalle proprietà antisettiche e sedative, calma la mente, contribuisce ad alleviare l'ansia e migliora l'umore.
     
    Ha un effetto afrodisiaco simile a quello del vetiver. Aiuta ad alleviare la frustrazione e la tensione sessuale, così come lo stress generale e l'irritabilità.


    SINERGIE
    Lega molto bene con gli oli essenziali di arancio dolce, benzoino, bergamotto, lavanda, lavandino, legno di cedro, limone, mandarino, melissa, mirra, patchouli, pino, ylang ylang, vetiver. Nel sapone a freddo aiuta a fissare gli altri oli essenziali.

     
    Dosaggio indicativo:
    – dallo 0,5% al 3% nelle creme cosmetiche, shampoo o bagnoschiuma neutri
    – fino al 3% nei saponi (per kg di olio base)
    – 5-6 gocce nei diffusori per ambiente
    – 5-6 gocce nella vasca da bagno
     

  • OLIO ESSENZIALE
    ARANCIA DOLCE
    SICILIA ITALIA

    9.0042.00

    L'olio essenziale di arancia dolce italiano viene ottenuto attraverso una lavorazione artigianale, quasi manuale, ed è un olio molto richiesto perchè di ottima qualità. Molto delicato è adatto a tutti, grandi e piccini. Possiede proprietà antinfiammatorie, disinfettanti, decongestionanti, antisettiche, dermopurificanti, addolcenti ed ammorbidenti. In aromaterapia viene utilizzato per i suoi effetti positivi sulla sfera psico-emotiva essendo un ottimo sedativo e antidepressivo.
     

    schedadescrizioneproprietàutilizzo

    INCI: Citrus sinensis peel oil
    Nome botanico: Citrus sinensis
    Paese d'origine: Sicilia, Italia
    Nota: di testa
    Status: naturale, di origine vegetale
    Estrazione: spremitura a freddo
    Parti utilizzate: scorza del frutto
    Aspetto: liquido limpido
    Colore: da giallo ad arancione
    Densità:  0.842 – 0.850
    Odore: fresco, dolce, caratteristico del frutto


    L'arancio (Citrus sinensis), originario dell'Asia, è un albero da frutto della famiglia delle Rutacee. Proviene da una ibridazione naturale tra il pompelmo (Citrus maxima) e il mandarino (Citrus reticulata).
     
    L'albero cresce fino a una decina di metri, ha rami spinosi e foglie di 4-10 centimetri. Il suo frutto viene chiamato arancio dolce per distinguerlo da quello, amaro, dell'arancio amaro (Citrus aurantium).
     
    Il nostro olio essenziale di arancia dolce viene distillato in Sicilia da arance Naveline e Ovale calabrese. Da 1000 arance si ricavano circa 600 grammi di olio essenziale.
     
    Fino a 25 anni fa la Sicilia e le regioni vicine avevano quasi il monopolio assoluto nella produzione di olio essenziale di arancio, fino a quando gli Stati Uniti, il Brasile e la Guinea francese non hanno deciso di iniziare a coltivare e produrre anche loro questo olio essenziale, con il risultato che la produzione italiana è oggi quantitativamente trascurabile.
     

    Versatile, economico, dall'aroma dolce, fresco e meraviglioso, l'arancio dolce è uno degli oli essenziali più utilizzati in aromaterapia. E' un olio essenziale che dona allegria e contribuisce ad eliminare l'odore è di stantio e di fumo dalle stanze.
     
    I suoi effetti sedativi assicurano un sonno tranquillo. Qualche goccia nella vasca da bagno agisce come calmante e lenitivo per la pelle. Equilibra il sistema nervoso e dissipa ansia, agitazione e palpitazioni. Carminativo, antinausa, è un ottimo tonico e digestivo. Viene usato in cucina per aggiungere aroma a torte, biscotti e bevande.

     
    Applicato sulla pelle lenisce le punture di vespe e api, viene spesso inserito nei saponi, creme, lozioni per il corpo e detergenti per la casa. A differenza dell'arancio amaro non è un olio foto tossico.
     
    Per un lavaggio profumato aggiungete tre o quattro goccie di olio essenziale nella lavastoviglie, nella lavatrice, nel secchio dell'acqua per pulire il pavimento o nel detersivo dei piatti se ne avete in casa uno neutro.


    L'olio essenziale di arancio potrebbe essere fotosensibilizzante, meglio non utilizzarlo sulla pelle prima di esporsi al sole. Usatelo invece nel dopo sole, alla sera, in quanto è fresco e porta il buon umore.
     
    Se l'olio essenziale di arancio è contenuto in un sapone o uno shampoo non darà nessun tipo di problema, in quanto l’olio essenziale verrà lavato via, mentre il rischio della fotosensibilizzazione subentra quando l’olio essenziale si trova in prodotti che non si risciacquano, come oli da massaggio e creme viso e corpo.
     
    Lega molto bene con gli oli essenziali di amyris, cannella, chiodi di garofano, bergamotto, incenso, lavanda, lavandino, limone, mandarino, pompelmo, pepe nero, ylang ylang, vaniglia, zenzero.
     
    Dosaggio indicativo:
    – dallo 0,5% al 3% nelle creme cosmetiche;
    – fino al 4% nei saponi (per kg di olio base);
    – 2-3 gocce nei diffusori per ambiente
    – 2-3 gocce nella vasca da bagno
    – 2-3 gocce diluito in olio base per il massaggio

     

  • olio essenziale di benzoino biologiso aroma dolce e vaniglioso

    OLIO ESSENZIALE
    BENZOINO
    BIOLOGICO LAOS

    10.0046.00

    Olio essenziale biologico di Benzoino concentrato: Resinoide-55% / Etanolo-45%. Viene apprezzato in profumeria per il suo profumo dolce, vanigliato dal sottofondo ambrato e per le sue ottime capacità di fissare gli altri profumi. Antibatterico e cicatrizzante l'olio essenziale di benzoino aiuta a mantenere la pelle morbida ed elastica. Favorisce il rilassamento e la meditazione.
     

    schedadescrizioneproprietàutilizzo

    INCI: Styrax tonkinensis resin extract/alchol
    Nome botanico: Styrax tonkinensis
    Paese d'origine: Laos
    Nota: di base
    Status: naturale di origine vegetale
    Estrazione: distillazione in alcool della gomma di Styrax tonkinensis Craib
    Resinoide-55% / Etanolo-45%
    Parti utilizzate: gomma/resina
    Aspetto: liquido
    Colore: da ambrato a marrone-rossastro
    Odore: balsamico, dolce, vanigliato, zuccheroso
    Densità: 0.985 – 1.00
     
    Certificazione biologica: Ecocert


    Lo Stirax tonkinensis è un grande albero che cresce spontaneamente in Laos, Thailandia e Vietnam settentrionale.
     
    La sua resina (o gomma) viene tradizionalmente raccolta dalle tribù delle colline incidendo i tronchi degli alberi per lasciarla poi essiccare al sole. Viene utilizzata per preparare incensi, pozioni antisettiche, cicatrizzanti, antidolorifiche ed espettoranti.
     
    L'olio essenziale di benzoino è un olio denso di colore che va dal giallo oro al rosso scuro, è resinoso, aromatico e viene ottenuto dalla resina della pianta di Benzoino, il cui nome scientifico è Styrax tonkinensis.

    L'olio essenziale di benzoino ha un aroma dolce e gentile che da una parte risulta stimolante e antidepressivo e dall'altra rilassante e sedativo. Allevia ansia, tensione, nervosismo e stress, ha un effetto tranquillante.
     

    Possiede proprietà anti-infiammatorie, anti-dolorifiche, astringenti e tonificanti.
     
    E' indicato nella cura degli apparati di sostegno del dente e grazie alle sue proprietà astringenti coaudiuva la guarigione delle gengive infiammate. Aggiungetene due-tre gocce in un bicchiere d'acqua ed usatelo come colluttorio.
     
    Questa proprietà astringente risulta molto utile nella cura della pelle, anche quella matura perchè aiuta ad attenuare le rughe e i segni del tempo.
     
    Anti-infiammatorio: aiuta a lenire l'infiammazione della pelle e le eruzioni cutanee.
     
    Antireumatico e anti-artritico: l'olio essenziale di benzoino applicato esternamente (sempre diluito in un olio vettore) dona sollievo in caso di reumatismi e artrite grazie al facile assorbimento dei componenti benzilici in esso contenuti. Grazie a queste sue proprietà viene usato in un certo numero di balsami anti-reumatici.
     


    Meraviglioso quando aggiunto nei saponi, in creme, unguenti, balsami, dentifrici e colluttori.
     
    Lega molto bene con oli essenziali dalle note orientali; In particolare con amyris, ambretta, arancio, bergamotto, cannella, cardamomo, chiodo di garofano, coriandolo, garofano, gelsomino, incenso, limone, legno di cedro, mandarino, mirra, noce moscata, pepe, pino, pompelmo, patchouli, ylang ylang, vaniglia, vetiver, zenzero.
     
    Dosaggio indicativo:
    – dallo 0,5% al 3% in oli base vegetali, nelle creme cosmetiche, unguenti, balsami;
    – fino al 3% nei saponi metodo a freddo (per kg di olio base);
    – 2-3 gocce nei diffusori per ambiente;
    – 2-3 gocce nella vasca da bagno;

     

  • OLIO ESSENZIALE
    CHIODI DI GAROFANO
    MADAGASCAR

    11.0049.00

    Dal profumo caldo, fruttato, dolce e piccante, l'olio essenziale di chiodi di garofano è un olio alquanto utile da tenere sempre in casa. Grazie alle sue spiccate proprietà antisettiche può essere utilizzato su tagli, contusioni e acne. Aiuta ridurre i dolori muscolari e a lenire il mal di denti. Popolare come olio da bagno usatelo per riscaldare il corpo dopo una fredda e lunga giornata. Viene utilizzato in aromaterapia per stimolare mente e corpo ed ottenere chiarezza mentale.
     

    schedadescrizioneproprietàutilizzo

    INCI: Eugenia caryophyllus bud oil
    Nome botanico: Eugenia caryophyllus
    Paese d'origine: Madagascar
    Nota: di cuore
    Status: naturale di origine vegetale
    Estrazione: distillazione in corrente di vapore
    Parti utilizzate: bottoni floreali (chiodi)
    Aspetto: liquido più o meno viscoso
    Colore: da giallo oro a giallo chiaro
    Profumo: aromatico, pungente, dolcemente speziato con nota alta fresco-fruttata
    Fioritura: estate
    Densità: 1.04 – 1.06
    Allergeni presenti: Eugenolo (72,00 – 84,00%), Isoeugenol (<= 0,10%)


    L'albero di chiodi di garofano viene coltivato da oltre 2000 anni sull'isola di Zanzibar, in Madagascar, Sumatra, Indonesia, nelle isole Molucche e nelle Antille. Solo la pianta selvatica originaria delle Molucche produce un olio essenziale privo di eugenolo.
     
    Conosciuto fin dall’antichità, i chiodi di garofano venivano usato dagli Egizi per imbalsamare i cadaveri mentre gli Indiani e i mandarini cinesi erano soliti masticarlo per profumare l’alito.
     
    Oggi l'olio essenziale vene impiegato in preparazioni dentarie, come componente di fragranza in dentifrici, saponi, cosmetici e profumi. Viene utilizzato anche nella preparazione dell'inchiostro da stampa.
     
    Esiste anche l'olio essenziale di foglie di Eugenia caryophyllus, più economico ma meno profumato.
     
    Attenzione: evitare l'uso durante la gravidanza. Non utilizzare su bambini al di sotto dei 12 anni. Può causare irritazione cutanea.


    All'olio essenziale di chiodi di garofano si attribuiscono proprietà analgesiche, antimicrobiche, antimicotiche, antivirali, afrodisiache e stimolanti. E' l'eugenolo che conferisce a questa formidabile spezia i suoi incredibili profumi e poteri.
     
    L'olio è usato per trattare una varietà di disturbi tra i quali mal di denti, indigestione, tosse, asma, mal di testa e stress.
     
    In cosmesi viene raccomandato per trattare la pelle acneica e, grazie alle sue proprietà ringiovanenti, stimolanti e rigeneranti, per formulare creme contro 'invecchiamento, il rilassamento cutaneo e le rughe.
     

    Le sue note aromatiche aiutano il corpo a recuperare energia dopo un esaurimento nervoso e fisico, risvegliano le passioni e fanno tornare la voglia di vivere.
     
    Il chiodo di garofano è utile per tenere lontane dai nostri armadi e dalle nostre dispense tarme e farfalline del cibo.
     
    Attenzione: evitare l'uso durante la gravidanza. Non utilizzare su bambini al di sotto dei 12 anni. Può causare irritazione cutanea.

    Si armonizza con quasi tutti gli oli essenziali ma in particolar modo con alloro, arancio, bergamotto, camomilla, gelsomino, geranio, lavanda, limone, mandarino, palmarosa, pepe nero, pompelmo, rosa, salvia sclarea, vaniglia, ylang ylang, zenzero.
     

    Dosaggio indicativo:
    – dallo 0,5% al 1% in balsami, unguenti e creme;
    – fino al 2% nei saponi (per kg di olio base);
    – 2/3 gocce nei diffusori per ambiente;
    – 1/2 gocce nella vasca da bagno;
    – 1 goccia diluita in acqua per colluttori e gargarismi;
    – In aromaterapia utilizzarlo con estrema cautela, consigliato solo per aromaterapeuti esperti.
     
    Consiglio:
    Aggiungetene tre/quattro gocce all'acqua di lavaggio dei piatti e all'acqua dei pavimenti per ottenere proprietà deodoranti e antisettiche.
     
    Attenzione: evitare l'uso durante la gravidanza. Non utilizzare su bambini al di sotto dei 12 anni. Può causare irritazione cutanea.